Verdena @ Rivolta

verdena _16

verdena  16 Verdena @ Rivolta

WoW! Il grande ritorno dei Verdena. Live Review, di Davide Visentin

29.01.11 È una serata speciale quella in cui un gremito centro sociale accoglie il grande ritorno dei Verdena: ad una manciata d’anni dall’ultimo “Requiem” e con il nuovo “WoW” nelle orecchie da poco più di una settimana, un pubblico di fedelissimi e di nuovi adepti è pronto a scatenarsi nell’unica data veneta del nuovo tour. Sono le dieci e mezza e mentre mi sgargarozzo la prima birretta, le “Love in a elevator”, gruppo punk-rock tutto al femminile di spalla ai Verdena,  guadagnano il palco: ottima scelta per l’opening act, le note di queste ragazzacce arrabbiate sono l’ideale per tenere a bada un pubblico che scalpita per sentire come suona il nuovo disco dal vivo.

I ragazzi di Albino si fanno attendere fino alle 23.30, quando Alberto entra in scena ed anima la folla con discorsi socratici incredibili – “ciao”  e “grazie” sono quasi le uniche parole che gli escono di bocca per tutta la sera -.

La scelta è quella di presentare il nuovo album quasi per intero, inserendo come di norma qualche vecchio ed ammiccante pezzo: il risultato è eccellente, due ore di concerto in cui la curiosità di sentire in live brani come “lui gareggia” si alterna alla gioia di risentire “muori delay”, “spaceman” e, soprattutto, “viba”.

“Incredibile, siete a manetta!” dice Alberto sull’applauso dopo il primo pezzo, e i tremila di Marghera si fanno sentire; qualche problema con il mixer digitale costringono il gruppo a fermare a metà “Logorrea”, ma una volta che la seconda voce di Roberta si torna a sentire la band è una macchina e, uno dopo l’altro, i pezzi scorrono e fanno scaldare il capannone del Rivolta.

Nemmeno la falsa partenza di Alberto, che ad un certo punto sbaglia l’attacco di “Loniterp”, riesce a far arrabbiare il pubblico che dopo un’ora e mezza ancora non ne ha abbastanza di saltare e, cosa più sorprendente, di cantare sulle note di un album uscito appena dieci giorni fa; i Verdena alla fine sono costretti ad uscire prima per il bis e poi per il tris, quando sulle ultime note di “sul ciglio” Roberta finge lo svenimento e fa capire che stasera il gruppo ha dato tutto.

Nonostante le mie riserve iniziali sull’album, devo ammettere che i Verdena si confermano tra gruppi dal vivo che spaccano di più , ti coinvolgono e ti fanno saltare; è una gioia sottolineare come mantengano negli anni la capacità di trascinarti, con i loro suoni crudi, le melodie aspre e la loro infinita verve, nell’abisso che l’onda sonora live ti genera intorno. Un  concerto insomma, che valeva ben oltre i 10 euro dell’entrata.

Questa la scaletta del concerto (potrei, nella foga – o nella Poga – aver perso qualche pezzo…)
Scegli me
Per sbaglio
Spaceman
Lui gareggia
Nuova luce
Il caos strisciante
Logorrea
Tu e me
Razzi arpie inferno e fiamme
Muori Delay
Le scarpe volanti
Miglioramento
Il nulla di O
Viba
Don callisto
Loniterp
Starless
Rossella roll over
Nubi di Isacco
Bis:
Sorrisi in spiaggia 1-2
Gulliver
Badea Blues
Sul ciglio

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Pict Gallery by M. Spinnato
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

facebook Verdena @ Rivoltatwitter Verdena @ Rivoltagoogle Verdena @ Rivoltatumblr Verdena @ Rivoltaemail Verdena @ Rivoltapinterest Verdena @ Rivolta