diplomatics

MORE… DIPLOMATICS
Intervista di AleRipTapes

S&V – Ciao Daniel ben ritrovato, puoi raccontare ai lettori di Sound and Vision chi sono i Diplomatics?
Ciao Ragazzi. Che dire? I Diplomatics sono 5 ragazzi di provincia cresciuti con un’enorme passione per la musica.
Una passione che li ha portati a suonare, a comporre, a sbattersi per mettere in piedi questo progetto.
L’obiettivo?  Semplicemente poter scrivere la musica che più ci piace a modo nostro, per poter proporla dal vivo e perchè no? Girare in lungo e in largo per far sentire alla gente quello che facciamo. E il risultato sono i pezzi che trovate all’interno del nostro disco.

S&V – Don’t be scared, here are the Diplomatics e’ stato definito come un potente energy drink in una recente  recensione, un disco che si colloca con prepotenza tra le migliori uscite del genere negli ultimi tempi! Daniel qual’e’ la tua opinione in merito? Fondamentalmemte cosa troviamo nelle 8 tracce del vostro disco?

In queste 8 tracce ci trovate centinaia di dischi ascoltati, 60 anni di Rock’n’ roll, blues, glam, punk, mille ore in sala prove, decine di corde e bacchette rotte, chissà quante birre, risate, divertimento, concerti, litigi… Non è un disco autobiografico, ma dentro ci potete trovare tutti noi stessi. Siamo davvero felici delle
critiche positive (e non) che abbiamo potuto riscontrare nelle varie recensioni. Vi posso confidare che stiamo già lavorando sodo sui nuovi pezzi. Non ci fermiamo qui!

S&V – Sei d’accordo con quello che dicono i Giapponesi su di voi?  ” Una delle migliori uscite del 2014 se non la migliore”…. sti c***i!!!
Ahahaha! E’ stata una bella sorpresa trovare una recensione proveniente dal Giappone! E non ti racconto i treppi per riuscire a tradurla! Dobbiamo ringraziare Francesca di Indiemood per tutto il lavoro che ha fatto. Siamo lusingati che le nostre canzoni siano arrivate così lontano. E ancor più siamo orgogliosi di come ne parlano!

S&V – Daniel hai aperto da poco un locale, il Groove. Ci puoi dire dove si trova, cosa proponi e che hai programmato hai per il 2015?
§Ebbene sì. Ho deciso di lanciarmi in questa avventura dopo l’ennesimo contratto a termine finito in cenere. Il Groove è a Lugo di Vicenza, via Martiri della Libertà 8. E’ un luogo di ritrovo nato per dare spazio a chi ha voglia di mettersi in gioco, non solo musicalmente. Poi ovviamente il settore musicale è molto importante. Nel primo mesi di vita abbiamo già ospitato 11 bands del panorama musicale italiano e non solo. Abbiamo in ballo date niente male, a partire dai Peawees il 16 maggio. E vi posso anticipare The Cry!, Plastic Man, Midwest Beat, Squadra Omega… con l’obbiettivo di continuare la programmazione anche in modalità estiva,  all’aperto, salvo disguidi tecnici.

S&V – Quali sono i vostri prossimi appuntamenti dal vivo ragazzi?
I prossimi appuntamenti sono il 20 marzo al Pnbox di Pordenone, con gli amici NEW CANDYS. Il 29 marzo a Piazzola sul Brenza all’Osteria al Majo, il 3 aprile all’ I’M di Abano terme,  il 18 aprile saremo all’Etnoblog di Trieste e il Primo maggio torneremo in Sicilia, precisamente sulle spiagge di Catania, al One Day Music Festival.

S&V – Daniel te la senti di consigliarmi qualche gruppo underground italiano  anche emergente? Roba tosta insomma
Beh, sicuramente i già citati New Candys. Oltre l’amicizia nei loro confronti nutro un sacco di stima per quello che hanno fatto e che stanno facendo. Restando in genere citerei i My invisible Friend. Giovani e sbarellati! Gli Snookys! Loro sì che ti fanno saltare! I Gluts!
Un altro nome da segnare sull’agenda è sicuramente Fede’n Marlen, passate da poco al Groove.
Due ragazze di Napoli con chitarra di legno (cit. Caso), fisarmonica e due voci spettacolari. Magia pura. Grazie per l’intervista ci si vede al Majo a Piazzola sul Brenta a fine mese!!! Grazie mille a voi Ragazzi! A presto! E venite ai concerti!

facebook MORE... DIPLOMATICStwitter MORE... DIPLOMATICSgoogle MORE... DIPLOMATICStumblr MORE... DIPLOMATICSemail MORE... DIPLOMATICSpinterest MORE... DIPLOMATICS