MASSIVE ATTACK – TEATRO GEOX (PD)

massive_02

MASSIVE ATTACK
@ TEATRO GEOX (PD) 14.02.2016

Ci ho messo un pochino a metabolizzare lo spettacolo che i Massive Attack hanno offerto in quel di Padova, in un Palageox veramente gremito. Data sold out. Breve fila per piazzare la macchina ma tutto sommato considerata l’affluenza, ottima organizzazione, ritiro il biglietto al volo e mi tuffo nella calca. Puntualissimi i nostri salgono sul palco e comincia il viaggio. Scenografia futuristica: grate televisive giganti alle spalle della band, lasciano filtrare luci rosse, blu, bianche e sparano immagini e frasi di terribile attualità.

Atmosfera molto cupa come la musica che i M.A: propongono oggi. Una micidiale miscela di downbeat/trip-hop con chitarre distorte in evidenza e gran lavoro di basso synth ed elettrico. Dal loro primo album Blue Lines il suono è cambiato moltissimo, rinnovato continuamente ma con riferimenti costanti al loro capolavoro Mezzanine che ha segnato una vera svolta nella loro carriera. Non a caso una buona parte dei brani suonati viene proprio da Mezzanine. I vecchi amici sono ancora lì con loro sul palco a dare il proprio contributo: Andy Horace presentato come la più grande voce reggae di sempre (una timbrica che non ti puoi dimenticare!), Martina Topley Bird vecchia amica che ha prestato la sua voce a Tricky nel disco di esordio, Gabrielle che ha il compito di sostituire la bravissima Colette. Risingson, Angel, Teardrop sono bellissime nei nuovi arrangiamenti . Martina propone un brano dal suo bellissimo album solo, Poison in una versione electro devastante ma che non cancella la sua melodia portante. L’atmosfera è veramente cupa con messaggi politici forti sparati dal monitor alle spalle della band in penombra, immagini di guerra, di profughi in fuga, di un pianeta che stà perdendo pezzi per strada.

massive 01 250x187 MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)Frasi dall’attualità televisiva, testi tradotti , domande a cui è difficile rispondere, statistiche, dialoghi tra militari in missione. I Massive Attack visivamente sono avanti anni luce a tutti. Lo spettacolo è totale e mirato a fare riflettere chi assiste al concerto. Safe From Harm, dal primo album Blue Lines,con il campione di Billy Cohbam -risuonato- è mozzafiato in un crescendo da paura. Si ferma con un break orchestrale alla Beatles e poi riparte per il gran finale. Lo spettacolo dura poco più di un’ora e trenta ma molto generosamente vengono concessi due rientri.

La conclusione arriva con Unfinished Simpathy in versione minimale ( voce ,basso,batteria e dj che scretcha e inserisce i loop) dimostra la loro bravura tecnica, se ancora qualcuno nutriva qualche dubbio…. Nel mio cuore rimangono i M.A. degli esordi, avendo avuto la fortuna di vederli dal vivo nelle primissime date italiane a metà degli anni novanta, con il loro suono fatto di soul,reggae e triphop. Oggi sono ben altra cosa,sempre i maestri, molto meno groovy di allora e più cupi proprio come i tempi che stiamo vivendo. Il messaggio finale sullo schermo diceva che insieme, uniti possiamo farcela a cambiare il mondo. Bisogna crederci.

facebook MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)twitter MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)google MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)tumblr MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)email MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)pinterest MASSIVE ATTACK   TEATRO GEOX (PD)