LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGS

Marky_Ramone_Photo

Recensione del live : MARKY RAMONE & THE WARDOGS
FESTA DEL PANIN ONTO – TORRI DI QUARTESOLO (VI)
29/12/2014

Ad inizio serata, non so bene perché, mi ritrovo in pieno backstage, di fianco allo spogliatoio di Marky Ramone, avendo così modo di constatare e confermarmi che c’è gente che di lavoro vive nel backstage, disposta anche a lunghe attese pur di aspettare un segno di carità da parte del musicista: gente innamorata persa delle rockstar, fotografi, giornalisti minori, addirittura un sosia di Joey Ramone.
Bistrattato da molti fans, accusato di speculare sopra il nome che porta, Marky rimane comunque uno che può dire di aver giocato qualche buon campionato con i Ramones; oramai si è fatta l’abitudine a vederlo nel suolo italico, poi però, magari, un giorno lo si rimpiangerà, chi lo sa.
Da parte mia, quella di stasera, dovrebbe essere la settima volta che lo vedo e ancora ricordo la prima alla Gabbia di Bassano: l’entusiasmo, “I don’t care”, i chiodi (i giubbotti).
Nell’occasione di questo mini tour italico Marco è accompagnato dai veneti Wardogs.
Alle 23.00 salgono sul palco e inizia un’ora e mezza serratissima di canzoni made in Ramones. I classiconi, una buona “I don’t want you”, la minore “Tomorrow she goes away”, che nessuno si aspettava,  “I don’t want to grow up”, insomma un sacco di canzoni che i numerosi presenti canticchiano a memoria, osservando principalmente le mosse del batterista, che dal canto suo non spiaccica una parola e si limita ad una paio di saluti “da contratto”.
Ai bis l’omaggio a Joey di “What a wonderful world”, seguita dall’immancabile “Blitzkrieg bop” chiude il sipario su questa fredda serata nella prima periferia vicentina.

facebook LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGStwitter LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGSgoogle LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGStumblr LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGSemail LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGSpinterest LIVE REPORT : MARKY RAMONE & THE WARDOGS