Tan

IL PERSONAGGIO DEL FESTIVAL BEAT 2016 – TALL JUAN
a cura di Ale Riptapes, supporto tecnico Francesco Meneghini

Non è la prima volta che trovo il live al Devil’s Den superbo, un piccolo fiore all’occhiello sul completo festival. L’anno scorso ebbi la stessa sensazione durante il caldissimo ed infuocato live dei Sultan Bathery.
Lascio dunque volentieri ai mega direttori il compito di raccontarvi tutto il ventiquattresimo Beat minuto per minuto; per me il personaggio del festival si chiama Tall Juan.
Nato e cresciuto a Buenos Aires, risiede a NY, influenzatissimo dai Ramones, l’argentino traduce in musica le sensazioni del vivere in una metropoli, semplice e veloce, imbraccia un’ acustica con corde di nylon ed affronta così ritmi sostenuti ed efficaci. Le sue mosse ad alto contenuto energico possono ricordare un giovane Elvis agli inizi, nevrotico spilungone e sgangherato.
Ho rivolto qualche domanda al nostro Juan Zaballa per conoscerlo ovviamente un pò più da vicino e faccio i complimenti anche a chi lo ha voluto in quel di Salsomaggiore; state su belli svegli e dedicatemi questi tre minuti please.

poster festival beat 2016 724x1024 250x353 Intervista a TALL JUANSV Ciao Juan, innanzitutto complimenti per l’ottima esibizione, vi ho visti in azione al Devil’s Den in occasione del Festival Beat, un live molto caldo in tutti i sensi, bello teso, veloce ed intenso. Come vi siete trovati a Salsomaggiore? Vi ha colpito qualche band in particolare?
TJ Salsomaggiore ha spaccato! Il Beat Festival è stato molto bello, ci siamo divertiti con John, i ragazzi del Devil’s Den, e ci è piaciuta l’esibizione di Rolando Bruno.

SV Avete un bel pò di date questa estate vedo, la girate tutta l’ Europa. Chi è che si sta occupando del vostro booking?
TJ Sì, ho suonato a 44 concerti. Audrey (Suzi Crime Cheese) ha organizzato l’intero tour.

SV State lavorando al vostro primo disco? Puoi anticiparci qualcosa?
TJ Esatto, sto per completarlo. Conterrà due cover, il resto tutti pezzi originali.

SV Quanta New York e quanta Buenos Aires vi sono nei tuoi live e nelle tue produzioni?
TJ Ho un sacco di Buenos Aires Rock nel sangue quando mi esibisco. La gente del sud è abbastanza fuori, ci ho convissuto e mi ha ispirato. Anche a New York è così, magari lo era di più una volta ma ne so comunque qualcosa, e questo influenza molto il mio sound.

SV Mi hai detto che hai degli amici qui in Italia. Eri già stato qui allora?
TJ Sì! Vivono tutti a New York, Leonardo, Giovanni… Sono venuto in Italia una volta, quando ero in tour coi miei amici Juan Wauters e Mac Demarco, abbiamo suonato a Milano e Genova.

SV Hai dichiarato (e si sente anche!!!) che c’è molto dei Ramones in quello che fai, interpreti pure Chinese Rock in un tuo 7″, quali sono i tuoi punti di riferimento oggi?
TJ Sempre i Ramones, poi i Beatles, il mio amico Juan Wauters, un sacco di bossa dal Brasile e Franco Battiato.

SV Potresti consigliare ai lettori di Sound and Vision qualche band oppure qualche disco che spacca il culo? Magari roba di nicchia, meglio ancora.
TJ Mi piacciono i Sumo, una band Argentina. Il cantante, Luca Prodan, è originario di Roma ed è un grande. Due ottimi album sono After Chabon e Divididos por la Felicidad. Anche Let the poison out dei The Beets è bello.

SV Tu vivi a Rockaway, Queens NY, cosa bolle in pentola da quelle parti musicalmente parlando?
TJ Non conosco molti musicisti a Far Rockaway… direi io e i miei amici…

SV Perchè la chitarra acustica nel tuo set?
TJ Mi piace moltissimo il suono, molto sudamericano, anche questo ispirato al mio amico Juan.

SV Juan grazie per le risposte ed il tempo che ci hai regalato, ti faccio un in bocca al lupo e farò di tutto per farvi suonare qui dalle mie parti in zona Vicenza-Padova. Ultima cosa…hai una faccia simpatica e pulita, quanti anni hai?
TJ Haha grazie, al momento ho 27 anni. Ci vediamo presto! Ciao!

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

a3700720230 16 250x250 Intervista a TALL JUANIt’s not the first time I find the gig at Devil’s Den amazing, a real flagship to the whole festival. Had the same feeling last year with the Sultan Bathery’s flamboyant  performance. I leave the task of recounting every minute of Beat festival to the big chiefs; to me, the king of the event was Tall Juan. Born and raised in Buenos Aires, he lives in NY. Much influenced by Ramones, his music is all about feelings of living in the big city, fast and straightforward. He deals with fast and strong rythmics bearing an acoustic guitar with nylon strings. His frantic moves might remind an early Elvis, as a wild beanpole. I wanted to know him better, so I had some questions to this Juan Zaballa. I also want to thank the guys who managed to bring him in Salsomaggiore. Now stay awake and follow me for the next three minutes please

SV Hi Juan, first I wish to compliment you for the great gig, I saw you at the Devil’s Den for the Festival Beat, a hot show by all meanings, fast and thrilling. How did you like Salsomaggiore? Which other bands did you like most?
TJ Salsomaggiore was cool! The beat Festival was really nice.we had a good time with John, who owns the Devil’s Den.and enjoyed Rolando Bruno playing 

SV You’re having a lot of gigs this summer, touring Europe around. Who’s caring for your booking?
TJ Yes!i just played 44 shows, Audrey (Suzi Crime Cheese) booked the whole tour

SV Are you working on your first album? Can you disclose something to us?
TJ Yes,I’m about to finish it. There’s two covers,and then all originals

SV How much New York and Buenos Aires are there in your live actions and productions?
TJ A lot of Buenos Aires Rock in my blood,when i perform. People from the south is pretty wild,i lived that and that inspired me.In New York too,more from back in the day but i still know a bit about it,and it affects my sound a lot.

SV You said you have friends here in Italy. Have you been here before?
TJ Yes! They all live in New York City..Leonardo,Giovanni.I came once i was on tour with my Friends Juan Wauters and Mac Demarco ,we played Milano and the another show in Genoa.

SV You declared (and one can definitely tell!) that there’s a lot of Ramones in your work, you also play Chinese Rock in one of your 7”, which are you musical references today?
TJ Still Ramones,The Beatles,my friend Juan Wauters ,a lot of Bossa from Brasil and Franco Battiato.

SV Can you recomend Sound and Vision readers about some bands or some kickass albums? Underground stuff even better
TJ  I like this band Sumo, from Argentina. His singer,Luca Prodan,he was from Rome,and he’s the man. Two good albums are After Chabon ,and Divididos por la Felicidad. Let the Poison out by The Beets is really good as well.

SV You live in Rockaway, Queens NY, what’s brewing in your area, musically speaking?
TJ I don’t know many people who plays music in Far Rockaway, I would say me and my friends..

SV Why an acoustic guitar in you live rig?
TJ Because i like the sound a lot,very southamerican style ,also inspired by my friend Juan.

SV Juan thank you for your time, I wish you good luck and I’ll be doing my best to have you playing in my area (Vicenza-Padua). One last thing: you have such a pleasant, clean face, how old are you?
TJ Haha thank you, I’m 27 right now. Thank you! See you soon! Ciao.

facebook Intervista a TALL JUANtwitter Intervista a TALL JUANgoogle Intervista a TALL JUANtumblr Intervista a TALL JUANemail Intervista a TALL JUANpinterest Intervista a TALL JUAN