il-capitale-umano

I FILM DELLA CRISI

Nell’arco di un paio di mesi ho avuto modo di assistere a tre bei film che descrivono, ognuno con le proprie peculiarità, situazioni legate al presente, ai famigerati “tempi della crisi” che stiamo vivendo. “Casa e Bottega” l’ha proposto Raiuno in prima serata, spezzettato in due puntate: il sempre affidabile Renato Pozzetto riveste i panni di un industriale tessile lombardo che si trova a fare i conti con mancati pagamenti delle commesse, usurai e conseguente fallimento del proprio stabilimento produttivo. Il copione e la resa finale risultano sen’altro ben riuscite, da segnalare anche le belle ambientazioni site nei pressi del Lago Maggiore. “Il Capitale Umano” l’ho visto al cinema e ha ricevuto ampi consensi positivi da parte di un po’ tutti quelli che l’hanno visto.

case e bottega 250x166 I FILM DELLA CRISIAnche qui siamo in Lombardia (una costante, come vedremo anche più avanti) e la sceneggiatura gira attorno al rapporto tra due famiglie della zona: una medio borghese e l’altra appartenente all’alta borghesia arricchita dalla finanza. Un incastro, appunto, di operazioni finanziarie, amore, tradimenti e crisi di valori: molto ben riuscito questo spaccato firmato da Virzì. L’ultimo ad aver visto è stato, ieri sera, “L’Assalto”, in prima serata su Raiuno. Diego Abatantuono riveste i panni di un impresario edile lombardo in crisi (gli stessi problemi del Pozzetto di “Casa e Bottega”), ma a differenza di quest’ultimo, incastrato da bancari e istituti di credito usurai, il Ferraris – Abatantuono viene avvicinato dalla malavita calabrese in cerca di infiltrazioni nel tessuto produttivo economico  locale. Un film drammatico, molto ben riuscito nelle sue diverse sfaccettature. Tre film con diversi punti di contatto (sfondo Lombardo, il denaro come fulcro del tutto, intrecci amorosi vari), i quali raccontano qualcosa del nostro tempo, e non è poco.

facebook I FILM DELLA CRISItwitter I FILM DELLA CRISIgoogle I FILM DELLA CRISItumblr I FILM DELLA CRISIemail I FILM DELLA CRISIpinterest I FILM DELLA CRISI