FUZZTONES @ SHINDY

fuzz01

fuzz01 FUZZTONES @ SHINDY

FUZZTONES @ SHINDY (VEN 26 Novembre 2010)

Uno Shindy del tutto esagerato per venerdì 26 novembre che ospita nel suo accogliente club, i Fuzztones, band storica decisamente particolare, con un retro gusto per il lugubre, formatasi agli inizi degli anni Ottanta, che arriva carica da New York. A trent’anni di distanza dal loro esordio, il gruppo è considerato tutt’ora una vera e propria colonna portante del genere; ma con un po’ di franchezza, i Fuzztones o piacciono o non piacciono, non ci possono essere vie di mezzo, perché il loro garage rock non ti fa star tranquillissimo, qualcosa di oscuro traspare in loro e soprattutto nei loro testi, caratterizzati da un inquietante amore per uomini lupo, mostri viventi e tant’altro, lasciandoti in oblio di una strana e piacevole tensione. Live durato per più di un’ora, un’ora apparentemente breve e resa interessante, merito dell’eccessivo bisogno di attenzioni, del protagonista per eccellenza, il cantante e chitarrista, Rudi Protudi, colui che fonda la band e colui che resterà sempre fedele ad essa, in quanto il gruppo subirà diversi cambi di formazione; tuttavia il gruppo attuale risulta molto accattivante, grazie anche alla misteriosa tastierista Lana Loveland, l’unica presenza femminile, con la quale il resto della band gioca maliziosamente. Durante il concerto non è potuta mancare, una delle prime canzoni di Rudi, che l’ha portato al successo, “She’s wicked”, portandoci di conseguenza anche i suoi seguaci; non sono però mancate tante altre canzoni presenti nel loro primo album d’esordio “Lysergic Emanation”, un effettivo miscuglio di rock e blues.

Sbalorditiva (in realtà non molto, una volta inquadrato il personaggio) l’affermazione del cantante dall’animo perverso, ‘”Sex, drug and … sex”, cimentandosi verso la fine del concerto in giochetti allusivi , dando così per scontato il rock, essendo esso già assorbito nella sua pelle e successivamente dal suo abbigliamento e dalla sua eccentrica collana di non ben identificate ossa. Concludono, lasciando tutti desiderosi di altri loro pezzi, ma ci salutano restando però nel locale fino alla chiusura.  Sicuramente gli spettatori, conoscevano bene la band amante del macabro, che ritorna a Bassano dopo una lunga assenza; ma chissà, forse tra loro, ci sarà stato pure qualche curioso, che proprio come me, invogliato per sentito dire dalla loro carica esplosiva e dalla loro linea musicale costituita da un filo rosso del tutto coerente, ha deciso di partecipare non restandone di certo pentito.

fuzz02 FUZZTONES @ SHINDY

facebook FUZZTONES @ SHINDYtwitter FUZZTONES @ SHINDYgoogle FUZZTONES @ SHINDYtumblr FUZZTONES @ SHINDYemail FUZZTONES @ SHINDYpinterest FUZZTONES @ SHINDY