ELISEUM: Noi come Antigone

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

eliseum ELISEUM: Noi come Antigone

ELISEUM: Noi come Antigone di Lara Lago.

Antigone è una donna forte, nuova, non teme le leggi, le regole, ma le reinventa, contestualizzandole. Non è un caso che una delle canzoni più interessanti del gruppo vicentino “Eliseum”, un’amalgama di gothic rock e molto altro, si chiami appunto “Antigone” e venga cantata interamente in greco, citando proprio i passi della tragedia greca di Sofocle. Non è un caso perché gli Eliseum sono come lei: forti, nuovi, senza paura di ricalcare i canoni del gothic rock ma perfettamente in grado di reinventare un intero genere, sporcandolo e contaminandolo di metal o funky, lasciando che prenda sempre nuove pieghe sulle note dell’interessante vocalità di Genny Minoliti, la voce del gruppo.
Perché il nome “Eliseum”? “Perché suonava bene” risponde Alessandro Lago, bassista, uno dei padri fondatori del gruppo, unitosi alla band appena pochi mesi dopo la sua genesi. Lo dice con sincerità, dettando uno dei comandamenti degli Eliseum: la professionalità. “Non siamo un gruppo di amici che si dilettano suonando- prosegue- Abbiamo voglia di lavorare con e per la musica, per questo cerchiamo di avere un approccio molto professionale.” Regola numero uno: che suoni bene. Le loro canzoni nascono in sala prove, da un giro della chitarra di Mirko Fabris, da un’idea di Riccardo Calegari alle tastiere e cori, da un ritmo dato dalla batteria di Matteo Frigo. Poi ognuno provvede alla propria parte strumentale, Genny pensa a testi e linea vocale e il gioco è fatto.
Ma gli Eliseum in origine non sono nati così: la prima line-up si richiamava, nel 2005, al genere più definito del Gothic Metal ed era composta dal fondatore Mirko Fabris alla chitarra, da Alessia Campagnolo alla voce (puliti e growl), da Matteo Frigo alla batteria, Alessandro Lago al basso e infine Marco Trombin alla tastiera. Dopo essere partiti come gruppo cover dei Lacuna Coil, una realtà musicale che li vestiva bene ma non alla perfezione, privandoli dello spazio per esprimersi anche in eclettismo, la band vicentina inizia la svolta e la musica che propone è un mix di atmosfere eteree a melodie più potenti, abbinando con la stessa alternanza linee vocali introspettive ad un cantato violento. Poco dopo la registrazione del primo demo-cd nel 2007, Marco abbandona il gruppo. Dopo due mesi l’arrivo del nuovo componente alle tastiere, Riccardo Callegari, dà alla band un impulso verso sonorità più oscure e pesanti, con alcune influenze death e black metal. Alla fine del 2007, si ha un altro cambio di formazione: Alessia viene sostituita definitivamente da Genny Minoliti alla voce e Riccardo si accolla il ruolo di growl/screaming vocalist.
Si arriva così al presente, a quegli Eliseum che non rinunciano a cantare in latino, come in “Domina”, che portano la loro musica nei locali del Veneto e del Friuli. Con un Ep in uscita ad inizio 2011. “Nella primavera partiremo con una tournèe nazionale- spiegano- La nostra è una musica per tutti, orecchiabile e non difficile da ascoltare. Il nostro obiettivo è farla arrivare a più persone possibili.” Un obiettivo che, visto come il pubblico reagisce ai loro concerti, non sarà difficile raggiungere.

facebook ELISEUM: Noi come Antigonetwitter ELISEUM: Noi come Antigonegoogle ELISEUM: Noi come Antigonetumblr ELISEUM: Noi come Antigoneemail ELISEUM: Noi come Antigonepinterest ELISEUM: Noi come Antigone